Ahmet Ümit | Perché Istanbul ricordi

« Sì, Nevzat, ammettilo, questo lavoro ti piace ».Aveva ragione, mi piaceva. Anche se non ne sapevo esattamente la ragione, non riuscivo a rinunciarci. Forse perché nel mondo c’era troppa sofferenza, forse perché in questo Paese non c’era giustizia, forse perché credevo che se avessi risolto qualche caso di omicidio e preso gli assassini, mi sarei sentito…